«

»

Ott 30

Trapianto di testa: un uomo russo volontario per essere il primo nella storia

È possibile che il titolo di questo articolo sembra fantascienza, o, ancora di più, di film di fantascienza. Per capirlo dobbiamo capire il suo scopo e il beneficio che può portare a molte persone in situazioni critiche.

Si può anche pensare che tutto questo tipo di notizie non cercare più di un sensazionalismo punto, ma, in realtà, abbiamo solo ricordare che all’epoca significava l’idea di fare un trapianto di cuore.

I progressi della medicina hanno, a volte, qualcosa di soprannaturale, e può anche andare al di là di quello che molti considerano essere morale o etico. Ora, se grazie a queste tecniche si possono salvare le persone e dare loro una buona qualità di vita, sarà ben accolto.

Oggi nel nostro spazio, vogliamo parlarvi di un progetto quasi incredibile: il primo trapianto di testa.

Valeri Spriridónov, il primo volontario per un trapianto di testa

Si chiama Valeri Spriridónov, è vecchia di 30 anni ed è un programmatore di computer. Se ti stai chiedendo perché un ragazzo come volontario, è semplice: questo ragazzo soffre di atrofia muscolare, e in breve tempo si perde di mobilità.

Vuoi saperne di più? Rimedio con la curcuma per migliorare la vostra salute del cervello

Appena aveva un anno quando è stato diagnosticato con la malattia di Werdnig-Hoffman. La tua vita è una sorta di conto alla rovescia, in cui, giorno per giorno, di vedere come il vostro corpo, diventando a sua prigione.

A poco a poco, il midollo spinale possono essere i più colpiti, e, anche se non ha molte garanzie per trascorrere il vostro primo anno di vita, Victor Spiridónov ha già 29 anni che vivono di più. Quanto ti hanno lasciato? Nessuno lo sa, ma ciò che è molto chiaro è che lei non potrà mai vedere il tuo vecchio volto.

Il chirurgo e ideatore di questo progetto e che avrebbe effettuato il trapianto della testa sarebbe il neurochirurgo Sergio Canavero. Come ha spiegato Victor, le persone che soffrono di atrofia muscolare spinale hanno la priorità in questo tipo di operazioni.

Sarete sorpresi di sapere che è stato il giovane che si è messo in contatto con lui dopo aver trovato informazioni su internet. La sua famiglia ha approvato la sua idea e, oggi, il trapianto di testa diventa l’unica speranza di questo programmatore russo.

Ho paura che, da allora, ma non ho altre opzioni. Questo esperimento è l’equivalente del volo di Yuri Gagarin, e sono entusiasta, pur sapendo che io possa morire nell’operazione.

Victor Spiridónov

Sergio Canavero: “Il trapianto di testa è possibile”

Muestra de trasplante de cabeza

Abbiamo parlato di persona che si è offerto volontario per il primo trapianto di testa. Ora, dobbiamo incontrare l’uomo che sta per effettuare questa operazione, un pioniere e quasi impossibile: Sergio Canavero.

Lui è un neurochirurgo presso l’ospedale Molinette di torino, e nel giugno di quest’anno ha esposto una volta di più la sua idea alla Conferenza annuale della American Academy of Neurologi e Chirurghi Ortopedici, nel Maryland (Stati uniti).

Le idee di base sarebbe il seguente:

Nel 1970, ha effettuato un trapianto di testa in uno scimpanzé, ma non è andata bene. L’animale non poteva muoversi. Perché? il midollo spinale non è entrato bene e l’animale è morto un po’. Mi dispiace, non c’è dubbio. Come spiega, al giorno d’oggi sarebbe successo. Il sezionato parti del midollo spinale potrebbe essere perfettamente uniti, grazie ad una sostanza chimica scoperto chiamato polietilene glicole. Sarà necessario, come si può intuire, un donatore. Una persona recentemente scomparso, che vuole portare il suo corpo alla scienza, così come ha fatto con il resto degli organi. Come ha spiegato Sergio Canavero, si avrebbe bisogno di 150 persone per effettuare l’operazione deve Anche l’approvazione di un comitato etico, e dieci milioni di euro per creare il diritto di laboratorio. L’operazione sarebbe durata di 36 ore. E, anche se non è ciò che si crea, tutto questo potrà essere effettuato entro due anni, sufficienti per essere in grado di offrire Victor Spiridónov una nuova opportunità.

Anche scoprire i benefici del camminare 30 minuti al giorno

A noi sembra qualcosa di molto promettente per le persone tetrapléjicas, per i malati, come il vincitore e per tutti quei pazienti che hanno subito un traumatico incidente, e che, ad oggi, è visto in una sedia a rotelle.

Caminar para relajarse

Il proprio scienziato dice che prima dell’operazione non ci sarà per indurre il paziente ad uno stato di coma, dopo, impiantati nella colonna vertebrale elettrodi che stimolano la creazione di nuove connessioni nervose.

Dopo questo, si procederà a unire la spina dorsale della testa, con il corpo del ricevitore. Tale complesso processo laborioso in cui verrà utilizzata la sostanza chimica prima il nome. Con lei, tutto sarà unito. Infine procedere alla sutura di muscoli e vasi sanguigni.

Se tutto va bene, il paziente vorrebbe qualcosa di più di un anno di camminare di nuovo, durante il quale il cervello dovrebbe essere utilizzato per regolare questo nuovo corpo. Ora, ci sarebbe un altro problema… è Accettare una persona che da corpo estraneo? Quale sarebbe il vostro?

La complessità può andare al di là di nervi e del midollo spinale. Anche la nostra coscienza dovrebbe rispondere a questa sfida. Vedremo poi come avanza il tema.

Lascia un commento