«

»

Set 28

Qual è il segreto delle relazioni felici

Non è curioso l’umanità? Ci sono così tante persone che passa la sua vita in una folle corsa contro il tempo, immersi nella routine, occupato a fare migliaia di cose, e nel tempo libero, si sono distratti davanti alla tv, collegato a Facebook, o circondato da persone, rumore e appannate da alcol o droghe. In questo turbinio di fare e il non essere, si perde ciò che è essenziale, che non è fuori, ma dentro.

Si deve iniziare a casa

La solitudine può essere terrificante per alcune persone, che sarà accompagnato da sacrificare la qualità delle relazioni. Questa paura della solitudine spesso riflette che, sullo sfondo, c’è la paura di entrare in contatto con le più intime emozioni, che può essere spiacevole o dolorosa. È preferibile, quindi, essere distratti o addormentarsi con le cose esterne…

Ma se i bisogni emotivi non sono ascoltate e tenute in considerazione, se non accettiamo incondizionatamente noi stessi con le nostre debolezze e i nostri punti di forza, andiamo a piedi attraverso la vita di indossare una maschera, fingendo di essere ciò che non siamo, di cercare gli altri, l’accettazione che siamo noi a negare.

L’essere umano non è nato per essere uno zombie emotivamente. I bambini non giudicare le vostre emozioni, basta sentire e di esprimere loro. Purtroppo, può accadere che durante il processo di socializzazione, il bambino viene ignorato, male, deriso o insultato. Prima di questo, l’unica possibilità che hai è quella di seppellire nell’inconscio, l’esperienza del dolore, perché il piccolo ancora dipende da altri per sentirsi degno di amore e di rispetto. Ma quando si arriva all’età adulta, è indispensabile assumere la responsabilità per la salute emotiva e prendersi cura di guarigione delle ferite e colmare le lacune del bambino interiore. Altrimenti vivi con un vuoto interiore che si prova a riempire inutilmente con rapporti superficiali o non autentica.

La coppa deve essere traboccante di

Il nostro compito primario, quindi, è quello di imparare a vedere, amare e apprezzare la cosa più preziosa che abbiamo, che è la nostra essenza. Più impariamo ad amare noi stessi, maggiore è il desiderio di condividere il nostro amore con gli altri, perché l’amore vero si espansiva dalla natura. Questa onda d’urto è inarrestabile, ed è quindi inevitabile la voglia di condividere questo amore con gli altri, ma non dal vuoto, e la maschera, ma con la pienezza e autenticità.

Lo scopo del rapporto è quello di imparare, di crescere, di amare, di divertirsi e di godere della reciproca compagnia. Perché in ultima analisi, la nostra vera missione in questo mondo è quello di espandere la nostra capacità di amare, sia a noi stessi e agli altri. Quando comprendiamo e viviamo in funzione di quella missione, scopriamo che ad amare in modo autentico e incondizionato, è il tesoro più grande che possiamo trovare.

C’è il lusso, il piacere, o realizzazioni, o beni, o la ricchezza può sostituire l’adempimento che produce il vero amore incondizionato. Ma dobbiamo iniziare ad amare e accettare noi stessi. Ama te stesso, fornisce ad ogni membro della coppia, con la sicurezza e la fiducia che è spesso ricercata in altri. Ma, invece di cercare di ottenere l’amore dagli altri, e anche chiedere, condividere l’amore che avete per voi stessi con il vostro partner. Ironia della sorte, si stanno dando gli altri ciò che hanno sempre desiderato, ma in precedenza non erano in grado di dare.

L’abbandono di se stessi e di auto-rifiuto, sono alcune delle principali cause di fallimento delle coppie, e imparare ad amare te stesso, aiuta davvero a guarire il rapporto. L’amore è la cosa più bella che c’è, ma non si può dare ciò che non hai. Finché non impariamo ad amare noi stessi, non si può amare un altro.

Articolo originariamente pubblicato in Mente è Meravigliosa

Lascia un commento