«

»

Set 28

Clownterapia per la salute dei bambini

Corsi di clownterapia: è questa una delle “specializzazioni” alle quali il personale sanitario tenta di accedere con più frequenza quando il proprio lavoro coinvolge i più piccoli. Non bisogna dimenticare che trovare il modo di curare il loro spirito porta benefici anche alla loro salute.

medico clown con bambino

Il solo pensiero di un bambino in ospedale a combattere con malattie talvolta molto difficili da affrontare è un pensiero che pietrifica. Grazie alla clownterapia è stato possibile negli anni ottenere risultati molto importanti nella gestione del paziente pediatrico. Ma dove seguire i corsi e chi può seguirli?

Clownterapia, dove seguire i corsi

I corsi di clownterapia sono spesso organizzati da Onlus e associazioni senza scopo di lucro che mettono a disposizione la loro preparazione per aiutare le persone interessate a mettere a punto il loro essere “pagliaccio” a servizio dei bambini. Questo non serve solo a formare il personale sanitario in modo apposito ma è aperto a tutti i cittadini che vogliano portare questo tipo di volontariato nei reparti dove vi sono i bambini: per aiutarli ad affrontare al meglio la propria malattia puntando a far dimenticare loro, tra una risata ed un gioco di essere all’interno di un ospedale. Generalmente i corsi di clownterapia si tengono direttamente nelle strutture,  soprattutto in caso la formazione sia richiesta da medici.

E’ quindi consigliato, al fine di trovare il corso di clownterapia più vicino al proprio luogo di residenza, consultare prima di tutto gli ospedali della zona e poi verificare online se qualche associazione tiene dei corsi specifici.

Clownterapia, chi può seguire i corsi

Chi può seguire i corsi di clownterapia? Patch Adams ci insegna che si tratta di un’opzione praticabile per i medici e anche per volontari che vogliano rendersi utili. Infermieri e clownterapia? Anche per loro vi è la possibilità di seguire dei percorsi di formazione specifica al fine di portare il sorriso sul viso dei bambini malati. Un sorriso, non va dimenticato, spesso vale più di una medicina.

Photo Credit ! Thinkstock

Lascia un commento