«

»

Ott 26

Cancro & auguri: – piattaforma di condivisione per superare la malattia

Il laboratorio di MSD, in collaborazione con Rosa Magazine, è il lancio di una piattaforma per la condivisione del progetto per i malati di cancro : cancer-et-envies.fr. La scoperta.

Lanciato alla fine del 2014, la piattaforma cancer-et-envies.fr i singoli uomini e le donne con il cancro e i loro cari per condividere progetti e desideri, qualunque essi siano, al fine di incoraggiare l’un l’altro e a un certo modo di rompere l’isolamento.

L’obiettivo è quello di ridurre e alleviare la vita quotidiana dei pazienti e dei loro cari, mentre aiutandoli a proiettarsi nel futuro. Questa piattaforma consente a ciascun paziente di vivere il suo sogno nel cassetto : visitare New York con la sua famiglia, iniziare in pasticceria su misura, intraprendere un giro del mondo, il monte di una mostra, imparare ad andare in bicicletta…

canceretenvies' data-recalc-dims='1

Questa piattaforma comunitaria che consente di condividere un progetto, un sogno realizzato durante o dopo il cancro e per il supporto di persone che stanno attraversando le stesse difficoltà. I membri possono "come" i progetti, commentare o dare indicazioni per l’attuazione del progetto.

Premio al Festival di Comunicazione, la Salute, la piattaforma cancer-et-envies.fr sarà presto, che offre collegamenti per le associazioni di pazienti così come le parole di un esperto come Françoise Ellien, psicologo, direttore della rete SPES, segretario generale della SFPO : "Condividere, creare progetti con i parenti stretti è in qualche modo un possibile consolidamento di ciò che ci unisce, siamo in grado di sviluppare e ricreare la complicità con coloro che ci amano e ci accompagnano in un campo diverso rispetto a quello della malattia e dei trattamenti. È quello di fornire piacere, di relax, di autorizzare una parentesi, più ingredienti di vita che sono così essenziali per il futuro. Parlare con le altre persone che sono malati è spesso rassicurante, confortante, l’espressione è talvolta più aperto con il suo team di assistenza, il suo oncologo o dei suoi familiari ".

Fonte : MSD Francia

Lascia un commento