«

»

Gen 15

AbbVie lancia la campagna ” Non voltare le spalle “

Il laboratorio di AbbVie lancia una nuova edizione della campagna di sensibilizzazione tra i giovani circa le cause del loro mal di schiena : "Non voltare le spalle ". Presentazione.

Avviata dal laboratorio AbbVie, in collaborazione con il AFLAR (Associazione francese di Lotta Antirhumatismale) e AFS (Associazione Francia Spondyloarthrites), la nuova edizione della campagna "Non voltare le spalle" si sviluppa sul web a partire dal 8 aprile, per sensibilizzare i giovani circa le cause del loro mal di schiena.

"Non voltare le spalle" è un’iniziativa avviata nel 2014 che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica di mal di schiena infiammatorio e ottimizzare la gestione della malattia che sono all’origine. Incoraggiando le persone con mal di schiena a consultare il proprio medico e ricevere un adeguato trattamento, l’obiettivo del "non voltare le spalle" è quello di ridurre l’impatto fisico ed emotivo e il rischio di disabilità e di migliorare la qualità della vita delle persone interessate.

neluitournezpasledos.fr' data-recalc-dims='1

Per Jean-Noël Dachicourt, Direttore del AFLAR (Associazione francese di Anti-Reumatici), " questa campagna è stato messo in atto per ridurre i tempi di diagnosi, ormai di diversi anni, durante i quali le persone soffrono. Pertanto, è essenziale non tornare indietro, per il suo mal di schiena, di trovare una risposta, perché il mal di schiena non è una fatalità. "

Troppo spesso banalizzata, il mal di schiena se si protrae per più di 3 mesi, possono avere un forte impatto sulla vita quotidiana di chi ne soffre, e portare ad un ritardo nella diagnosi di diversi anni. Tuttavia, anche se nella maggior parte dei casi, il mal di schiena è di tipo meccanico, potrebbe anche essere di origine infiammatoria, relative a malattie come spondyloarthrites.

Una campagna di stampa offset digitale per sensibilizzare i giovani

I primi sintomi di mal di schiena infiammatorio di solito appaiono in adolescenti e giovani adulti, prima dell’età di 40 anni. Tuttavia, alcuni di loro sono preoccupati per questo persistente male, nell’errata convinzione che possa scomparire così come è apparso, fino a quando il dolore alla fine prendono il sopravvento nella loro vita personale, professionale o di studio.

Grassetto, artistico e musicale sono le parole chiave della campagna digitale lanciato su Youtube, Facebook e Twitter per coinvolgere e raggiungere i giovani. L’obiettivo : aumentare la consapevolezza di coloro che voltano le spalle su di loro mal di schiena, attraverso un video che ha un offset per rendere il buzz sul web, e incoraggiarli a fare domande circa il loro dolore alla schiena.

 

Un dispositivo pedagogico, convalidato con gli esperti delle patologie reumatiche, le associazioni di pazienti si è reso disponibile per i farmacisti per essere in grado di aiutare le persone a mettere in discussione il loro mal di schiena con particolare opuscoli informativi dare consigli sulla vita quotidiana (fare la spesa, esercizi fisici per concentrarsi sui, viaggi, etc.).

Fonte : Abbvie

Lascia un commento